Perchè cavolo Xrt4jrfdu9??? Programma Mentale del Successo #2

Come hai già compreso guardando il video “Il Potere del Cervello Quantico” il nostro cervello altro non è che un semplice (straordinario) esecutore.

A lui non interessa che tu abbia successo o no, lui fa semplicemente molto bene ciò per cui è stato programmato.

In un articolo precedente abbiamo visto il PROGRAMMA MENTALE DEL SUCCESSO#1.

Un programma che funziona, sempre e per tutti, anche se a volte faticoso.

Ci sono però persone che sembrano ottenere risultati con maggiore naturalezza, spontaneità. Sono quel 10% di persone che utilizzano, consciamente o inconsciamente, il PROGRAMMA MENTALE DEL SUCCESSO #2 di cui parleremo oggi.
mamma-sfoga

Iniziamo da qui: immagina questa breve scena

Sei una mamma e la notte non hai dormito troppo bene ma, come tutte le mattine, la sveglia suona alle 6:30.

Dopo esserti girata un po’ nel letto ed avere in qualche modo “resistito” ti alzi controvoglia: ci sono i bimbi da svegliare, vestire, le colazioni da preparare, bisogna portarli a scuola.
Già pensi che poi il pomeriggio il maschietto è da portare a calcio, la femminuccia a danza.

Quando li svegli i tuoi bimbi fanno qualche resistenza, è abbastanza normale, sono bambini (e l’hai appena fatta anche tu..).
Li chiami una volta, due, perdi la pazienza e inizi ad alzare la voce.

La piccola nel frattempo si è alzata, tu inizi a pettinarla ma sei nervosa, il pettine fa su e giù senza troppa delicatezza, la bimba si lamenta, tu dici nervosamente che siete in ritardo, come tutte le mattine!

Continui a pettinarla sempre più velocemente e con forza, lei inizia a piangere e disperarsi, tu ti innervosisci ancora di più e iniziano a venirti pensieri del tipo che hai troppe responsabilità, che i bimbi ti fanno ammattire

Buongiorno…!

La tua vita può essere piena di tante cose e imprevisti.
Ma non puoi controllare ciò che non poi controllare.

 

 In realtà in quei momenti non ce l’hai con loro, ma con te che non sai gestire la situazione.

Anche quando un imprenditore borbotta contro i suoi collaboratori in realtà non ce l’ha con loro, ma con lui stesso che non è capace di farli produrre di più. Non è un vero leader. Anche coloro che se la prendono con la sfortuna, con gli altri e qualsiasi altro fattore esterno commettono lo stesso identico pericoloso spostamento di attenzione..

Quando prendi decisioni di questo tipo non sono decisioni neutre, sono decisioni schiave del tuo stato.


Cosa accadrebbe invece se…

mamma-regalo2Prova a pensarci.

Cosa accadrebbe se fossi quella mamma con i suoi bimbi e, a mente lucida, riuscissi a calmarti?

Secondo te si creerebbero eventi diversi? Un tipo di realtà diversa?

E se fossi quell’imprenditore che ce l’ha contro i suoi collaboratori e riuscissi a trovare calma e lucidità?

E se te la stessi prendendo con gli eventi, la sfortuna o gli altri, e ti fermassi un istante per centrarti capendo che tutto dipende da te?

The Flow: la Psicologia dell’esperienza ottimale

M. Csikszentmihalyi, uno psicologo statunitense, ha studiato a lungo l’argomento dando vita alla definizione The Flow: la Psicologia dell’Esperienza Ottimale.

E’ lo stato dell’arte, quello in cui si trova l’atleta mentre realizza il record del mondo, l’imprenditore quando dimostra il suo carisma e la sua leadership, la mamma quando fa un bel sospiro e ricorda che…altrimenti i genitori che ci stanno a fare? (evviva le mamme!).

PROGRAMMA MENTALE DEL SUCCESSO #2: STATO
La capacità di mettersi nelle condizioni migliori

Quel 10% di persone che possono, che non solo raggiungono risultati ma sembrano farlo anche in modo più spontaneo e naturale, hanno la capacità di mettersi nelle condizioni migliori.

Il programma che hanno installato nella propria mente li mette nella possibilità di gestire i propri stati, ecco perchè tutto avviene in modo più spontaneo.

  • Da uno stato produttivo (passione, amore, determinazione, serenità ecc) vengono fuori decisioni più produttive e, in modo naturale, la scelta di strategie più produttive.
  • Da uno stato improduttivo (paura, terrore, rabbia ecc) che tipo di decisioni possono scaturire?

IL PROGRAMMA MENTALE “STATO” SI ALLINEA AL LIVELLO DEL “IO VOGLIO/IO DECIDO”

Nell’articolo in cui parlavamo del Programma Mentale del Successo #1 abbiamo fatto l’esempio del dimagrire.
Cosa succede se vai da un dietologo? Ti consegna una strategia (giusto).

E tu: oggi devo mangiare 50 grammi di pasta, non devo mangiare dolci, devo fare questo e non devo fare quello.
Riesci? Certo (se è la dieta giusta per te), in cambio probabilmente di sforzo, lotta, fatica…

Come cambierebbe la situazione se invece tutto diventasse un voglio?
Prova ad immaginare: oggi voglio/decido mangiare 50 grammi di pasta, voglio/decido fare una bella corsetta, voglio/decido di….
Come ti suona?

Ecco perchè tutto accade in modo più spontaneo e naturale.

Come attivare il PROGRAMMA#2

Ogni volta in cui siamo in uno stato depotenziante bisogna ricordarsi che è solo una nostra scelta…

Si Italo, ma…e ma…

Niente ma. E’ solo una tua scelta. Il fatto è che ormai è partita la procedura automatica e non è più sotto il tuo controllo.
Non sono i bimbi a farti arrabbiare, sei tu che hai scelto di arrabbiarti davanti a quelle condizioni (per carità…l’invito e lo stimolo ci sono, ma non è così per forza).
Non sono i collaboratori, ma tu che…

Per attivare il Programma Mentale #2 bisogna interrompere lo schema, quello automatico e che è già partito, quello che ha dato una risposta automatica ad uno stimolo che di per se’ è insignificante.

programma2

P.S.1: Ci sono persone che non solo ottengono risultati, non solo sembrano ottenerli con maggiore naturalezza (come abbiamo visto in questo articolo) ma li ottengono anche in modo costante nel tempo. Costoro utilizzano il Programma Mentale del Successo #3; ne parleremo in un prossimo articolo.

P.S.2: ti ricordo che “IL POTERE DEL CERVELLO QUANTICO” ti permette di entrare all’interno delle dinamiche del tuo cervello..per cambiarlo da dentro come non avresti mai immaginato (Fino a Venerdì 19 Settembre con grandi agevolazioni: clicca qui per leggere tutto)

P.S.3: a proposito del Programma Stato, qual è la prossima mossa che farai nella tua vita? (cosa scegli di non provare più e in quale situazione ti metterai in uno stato migliore?)
Lascia qui sotto il tuo commento se ne hai voglia, per condividere. Insieme.

Un caro saluto da parte mia.

Commenti

commenti

11 Risposte a “Perchè cavolo Xrt4jrfdu9??? Programma Mentale del Successo #2”

  1. Rendi relativamente sempilce e pratico cose molto difficili, complimenti.

    Da 20 anni mi occupo di formazione e semplifico concetti o dottrine difficili, creando percorsi formativi molto efficaci con gruppi max di 25 persone.

    Se credi possiamo valutare una collaborazione a oggi siete stati gli unici a cui lo abbiamo proposto ( nello sviluppo delle risorse umane ) esistono punti di contatto tra voi e noi.

    Gianfranco.

  2. Cambiare le credenze più profonde, questo é il nocciolo della questione
    Il corso sul cervello quantico é un ottimo inizio ma poi occorre proseguire anche con altro, tipo la psico energetica, che permette di lasciare le credenze passate.
    In ogni caso si devono provare varie tecniche perché siamo tutti diversi sia per esperienze che per caratteristiche.
    Ringrazio ancora Italo perché col corso di Roma ho iniziato il percorso di miglioramento che sto ancora effettuando, ma senza di quello non sarebbe stato possibile progredire in varie aree della vita.
    Grazie, grazie, grazie

  3. Se ti manca tanto una persona,e provi tristezza e tutto quello che si prova,sei tu che hai deciso di provare quelle sensazioni??

  4. Sincronicità? Al termine della mia prima settimana di Programmazione Subliminale Quantica, stamattina ho fatto l’esperienza di una disasastrosa caduta dalla bicicletta con la quale oltre a diverse escoriazioni e lividi, mi sono procurata anche la frattura dei due incisivi superiori!
    La cosa bella è stata non lasciarsi andare alla disperazione, per il dolore ma soprattutto per il danno (estetico prima ed economico poi per le spese dal dentista) Ho invece colto i tanti aspetti positivi che hanno caratterizzato l’episodio: la gentilezza di un gruppo di signore che avendo assistito all’incidente mi hanno soccorsa e si sono prodigate in mille modi, la disponibilità di mia cognata, solitamente sempre impegnatissima e infine quella del mio dentista che ha spostato altri appuntamenti meno urgenti per far fronte immediatamente alle mie necessità. E’ proprio vero, le cose cambiano a seconda della prospettiva in cui le guardi… e io con questo atteggiamento sono sicura che la guarigione sarà più rapida e facile. Grazie!!!

    1. Cara Patrizia..hai colto il punto giusto..complimenti.
      Italo

  5. Ciao Italo io mi sn imposta di smettere di fumare…e come mi sn prefissata nn deve essere uno sforzo eccessivo benché riuscire a farlo x un piacere mio…x un mio motivo di salute

  6. Sono ancora io , scegliere ed arrivare a capire che puoi cambiare cio’che ti si pone, messi davanti a prove molte dure e intense, e’ semplicemente FANTASTICO. Lo metterò subito in pratica. Grazie

  7. Ciao Italo e grazie ancora. Ho capito cosa scegliere e qual è la causa del mio depotenziamento
    La rabbia. Oh cosa può produrre sul mio corpo e sulle persone intorno a me che amo moltissimo. Grazie molte

  8. Grande Italo Grazie per averi ricordato informazioni importanti, infatti adesso a distanza di mesi dal seminario il stato è spesso nel FLOW

  9. Ciao Italo,
    è sempre un piacere leggere ciò che scrivi, soprattutto quando si sta vivendo in prima persona ciò di cui stai trattando.
    A Gennaio ho partecipato al seminario “Il potere del Cervello Quantico” e ho iniziato a utilizzarne le tecniche su di me con costanza. Posso dire che la mia vita è cambiata. Io sono cambiata… Mi si è aperto un mondo nuovo, di possibilità infinite. Proprio ieri si è verificato un evento che vorrei condividere con voi per confermare che, ciò che dici è vero. Mi trovavo in una situazione in cui “la mia pazienza”, era messa a dura prova e i nervi erano all’ennesima potenza, ma nella mia testa c’era un solo pensiero: solo io potevo decidere se assecondare quel clima o fermarmi, respirare e entrare nel mio laboratorio interiore e cambiare lo scenario in modo da ritrovare la calma necessaria per continuare a lavorare con il sorriso sulle labbra e dando il meglio di me a prescindere dalla situazione. Magia… ci son riuscita… e non è stato poi così difficile… perché l’ho fatto per me stessa… Così anche se continuava a esserci un clima pesante, io sapevo trovare il modo di alleggerirlo e vivere il tutto con serenità. E vi dirò di più: alla fine anche i clienti più arrabbiati, arrivavano ad avere un atteggiamento più rilassato. Riflettendo ora su ciò, credo che sia importante “vedere” questi eventi e i loro effetti, perché ci permettono di rafforzarci e proseguire con più sicurezza verso i nostri obiettivi di successo, siano essi professionali o personali come nel mio caso.
    Grazie Italo.
    Grazie a “Più che Puoi”.
    C’è un modo diverso di vedere le cose.
    A tutti un saluto di cuore.
    Cristina

  10. Ho scelto di prendermi cura di mia madre malata di 84 anni. Spesso discutiamo, lei fino a tre anni fa era autosufficente,e quindi anche se sa benissimo di aver bisogno di aiuto,continua ad volere questo ed a lamentarsi di quello.Spesso mi rendo conto che il suo atteggiamento è dovuto al suo carattere,tuttavia scattano in me insofferenza e nervosismo.Poi mi ricordo che è una situazione che ho scelto io e così mi calmo…voglio riuscire a ricordarmelo prima, in modo di creare meno tensione sia per me che per lei.Grazie e buona giornata a tutti!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.